Pilates

Il metodo Pilo non ha marchio di registro per cui ogni insegnante lo può adottare alle proprie esigenze e personalità, ma deve comunque rispettare i principi basilari del Pilates che sono sei:

Da intendersi come capacità dell’allievo di percepire correttamente il proprio corpo nello spazio, con la consapevolezza della corretta postura e del corretto allineamento articolare.
La capacità di mantenere il corretto allineamento dei segmenti corporei durante l’esecuzione degli esercizi. La percezione, cioè, del corpo da allenare, non come un insieme di muscoli, ma come un unico armonico che debba sempre essere mosso come insieme e non come singoli “pezzi” indipendenti. L’idea che l’esercizio debba essere globale, non settoriale.
La capacità di attivare autonomamente (senza, cioè, il richiamo da parte del trainer) e automaticamente i muscoli responsabili del supporto lombare, pavimento pelvico e trasverso, reclutandoli in maniera appropriata (né troppo né troppo poco).
Il mantenere, cioè, i movimenti armonici ed eleganti, senza pause anomale, con un ritmo non rapido ma sostenuto.
Essere in grado di riconoscere in maniera automatica ed “istintiva” quale gruppo muscolare reclutare e farlo nella massima economicità, senza dispendio di energie e senza movimenti inutili.
Il respiro deve essere armonico e continuato, senza apnee. nemmeno negli esercizi più intensi. Dovrà altresi essere un respiro costale, in modo da mantenere costantemente il muscolo trasverso attivo a supportare il tratto lombare.
Questo sito Web utilizza i cookie e richiede i tuoi dati personali per migliorare la tua esperienza di navigazione.